REIKI:

Seminari Reiki Date e Località

Modulo di Iscrizione ai Seminari

Documento Iscrizione Seminari

Reiki

Cos'è Reiki

Reiki Livelli

Il Primo Livello Reiki

Il Secondo Livello Reiki

Il Terzo Livello Reiki

Il Master Reiki

Percorso Master Reiki

Come diventare operatore reiki

La Storia di Reiki

Attivazione Reiki

Autotrattamento Reiki

Trattamento Reiki

Trattamento a Distanza

Il Maestro Mikao Usui

Come Agisce Reiki

Percorso Energia Reiki

I Simboli Reiki

Possibilità di utilizzare Reiki

I 5 Principi Reiki

Codice Etico-Deontologico dell'operatore Reiki

Reiki Insegnamento

Reiki Discendenza

Chi è Marco Milione

Reiki Seduta Terapeutica

Costi Sessioni Individuali

Domande e Risposte su Reiki

Glossario Reiki

Testimonianze

Reiki a Milano

Karuna Reiki

JAPANESE REIKI :

Reiki Japanese

Tecniche di Japanese Reiki

Discendenza Japanese Reiki

Intervista al Maestro Mikao Usui

Komyo Reiki

Proposte di Leggi sulle Medicine Complementari:

Regolamentazione Medicine Complementari

Nuova Proposta di Legge nazionale D.O.S

Legge Lombardia

Legge Emilia-Romagna

Legge Piemonte

Legge Liguria

Legge Toscana

 

Il Karma

L'esperienza del Se

Articolo su Reiki

Reiki e Respirazione

Reiki e Danaro

Disciplina Spirituale

Dinamiche  Psicologiche Interpersonali

cerchio di luce

Meditazione Yogica

Il Mantra Japa

Preghiera per la pace

Diksha

Tantra

Buddhismo

Viaggi Astrali

Elenco per regioni degli operatori e master reiki italiani di mondoreiki

Galleria Immagini

Pranoterapia:

Pranoterapia

I Chakra

L'influenza energetica del terapista sul fisico

Da dove arriva il potere di guarigione di un terapista

Reiki per i pranoterapeuti

Shiatsu:

Cos'è lo Shiatsu

Cosa Cura lo Shiatsu

Shiatsu e Reiki..... due Facce della stessa Medaglia

Yin e Yang

Qi

6 Energie e 5 movimenti

Massaggio Tui-nà:

Cos'è il Massaggio Tui-nà

Info: Marco Milione

Per contattarmi telefonicamente
02.23166005 - 339.3859254

 

 
Home Page - Presento Reiki Contatti Link - Altri Link

REIKI PER I PRANOTERAPEUTI

A cura di Marco Milione (Milano 2004)

Sono quasi 25 anni che pratico terapie naturali. In quest'arco di tempo mi è capitato di incontrare molti  terapisti e di confrontarmi con le più  svariate  tecniche di cura olistica. A 15 anni ho iniziato ad interessarmi allo Shiatsu e la Medicina Tradizionale Cinese conseguendo in seguito il diploma. a 21 ho studiato e lavorato con la Pranoterapia. A 29 ho conseguito il 1° e 2° Livello Reiki e a 31 ho preso il Master di Reiki iniziando a divulgare reiki nei seminari.

Devo riconoscere che quasi ogni volta che parlo con un pranoterapeuta, noto un atteggiamento di repulsione da parte sua nei confronti di Reiki. Forse perché entrambe le tecniche a prima vista sembrano simili e può capitare che il pranoterapeuta che principalmente utilizza la propria energia interiore a differenza del reikista che funge da canale di trasmissione, viva questo come una sorta di competizione tra le 2 tecniche! Mentre non è così!

Anche se entrambe le tecniche partono da principi diametralmente opposti la loro pratica presuppone l'utilizzo della stessa energia universale comune a tutti gli esseri viventi. L'unica differenza è sottolineata dal livello di coscienza con cui tale principio viene applicato. Esistono verità determinate da fatti facilmente riscontrabili nell'oggettività terapeutica! Ad esempio non tutti i praticanti reiki hanno la stessa capacità di cura. Così come non tutti i pranoterapeuti hanno le stesse capacità di guarigione. E questo è determinato dal livello di evoluzione individuale con cui il terapista opera.

Tuttavia in quanto ex pranoterapeuta devo riconoscere che per quanto nelle varie scuole di pranoterapia vengano dati insegnamenti su come ricaricarsi in fretta o su come schermarsi e proteggersi dalle energie bio-plasmiche malate del ricevente. Non ho mai conosciuto un pranoterapeuta professionista che sia rimasto in salute fisica ottimale lavorando regolarmente con la pranoterapia. " E per regolarmente intendo almeno dai 4 ai 8 trattamenti al giorno". Poi possono sempre esistere le eccezioni!

Io stesso anni fa iniziai a praticare Reiki perché l'assidua pratica pranoterapeuta nonostante le varie schermature mi stancava troppo. E cercavo una metodologia di cura energetica meno rischiosa a livello personale ma ugualmente efficace! Così incontrai Reiki! Ricordiamo anche che se il pranoterapeuta è una persona compassionevole difficilmente sente la necessità di distaccarsi secondo i tempi prestabiliti dal proprio ricevente. Anzi ! solitamente dona molto di più di quanto possa dare, con conseguenze spesso disastrose per se stesso.

Chiariamo un concetto base: L'iniziazione a Reiki da parte di un pranoterapeuta non ha come presupposto la negazione delle tecniche di pranoterapia. Anzi. Solitamente qualunque sia il potere di cura che il pranoterapeuta possiede lo potenzia ulteriormente.

Si può benissimo essere un guaritore pranico che viene energeticamente iniziato a Reiki continuando ad usare le tecniche di pranoterapia. Con il favore di un bagaglio energetico inesauribile e senza sentire la necessità di schermasi dalle energie malate del proprio paziente, con progressiva auto-ricarica individuale durante la stessa pratica. Sembra un sogno!! eppure è vero!!

Personalmente consiglio a tutti i pranoterapeuti di prendersi almeno il 1° Livello di reiki, senza nessun timore di perdere la propria capacità di guarigione. O di intaccare il proprio credo professionale. Il successo da quel punto di vista è assicurato!! E un po come se voi foste abituati ad attingere danaro da un conto bancario individuale e il giorno successivo vi autorizzassero a prelevare da una banca statale di un paese ricchissimo. la capacità di prelevamento e di spesa risulterebbe notevolmente superiore alla precedente non vi pare !! Ecco, questo è lo stesso principio di reiki applicato ai guaritori pranici!!

L'attivazione a Reiki su una persona normale dona un effetto di guarigione per se stessi e per gli altri di un certo tipo; mentre su un  pranoterapeuta la risultante taumaturgica è molto più potente. Visto che l'energia reiki si adatta alle capacità energetiche individuali con la particolarità di espanderne le potenzialità attraverso l'uso regolare. In pratica più si utilizza Reiki e più funziona!

Ogni volta che ho iniziato un Pranoterapeuta a Reiki questi in seguito ha sempre confermato questa teoria; sostenendo di sentire una capacità energetica nelle sue mani mai provata prima subito dopo la prima attivazione del seminario. Sperimentandone l'efficacia nei trattamenti sui propri pazienti.

Marco Milione

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Pranoterapiaia