REIKI:

Seminari Reiki Date e Località

Modulo di Iscrizione ai Seminari

Documento Iscrizione Seminari

Reiki

Cos'è Reiki

Reiki Livelli

Il Primo Livello Reiki

Il Secondo Livello Reiki

Il Terzo Livello Reiki

Il Master Reiki

Percorso Master Reiki

Come diventare operatore reiki

La Storia di Reiki

Attivazione Reiki

Autotrattamento Reiki

Trattamento Reiki

Trattamento a Distanza

Il Maestro Mikao Usui

Come Agisce Reiki

Percorso Energia Reiki

I Simboli Reiki

Possibilità di utilizzare Reiki

I 5 Principi Reiki

Codice Etico-Deontologico dell'operatore Reiki

Reiki Insegnamento

Reiki Discendenza

Chi è Marco Milione

Reiki Seduta Terapeutica

Costi Sessioni Individuali

Domande e Risposte su Reiki

Glossario Reiki

Testimonianze

Reiki a Milano

Karuna Reiki

JAPANESE REIKI :

Reiki Japanese

Tecniche di Japanese Reiki

Discendenza Japanese Reiki

Intervista al Maestro Mikao Usui

Komyo Reiki

Proposte di Leggi sulle Medicine Complementari:

Regolamentazione Medicine Complementari

Nuova Proposta di Legge nazionale D.O.S

Legge Lombardia

Legge Emilia-Romagna

Legge Piemonte

Legge Liguria

Legge Toscana

 

Il Karma

L'esperienza del Se

Articolo su Reiki

Reiki e Respirazione

Reiki e Danaro

Disciplina Spirituale

Dinamiche  Psicologiche Interpersonali

cerchio di luce

Meditazione Yogica

Il Mantra Japa

Preghiera per la pace

Diksha

Tantra

Buddhismo

Viaggi Astrali

Elenco per regioni degli operatori e master reiki italiani di mondoreiki

Galleria Immagini

Pranoterapia:

Pranoterapia

I Chakra

L'influenza energetica del terapista sul fisico

Da dove arriva il potere di guarigione di un terapista?

Reiki per i pranoterapeuti

Shiatsu:

Cos'è lo Shiatsu

Cosa Cura lo Shiatsu

Shiatsu e Reiki..... due Facce della stessa Medaglia

Yin e Yang

Qi

6 Energie e 5 movimenti

Massaggio Tui-nà:

Cos'è il Massaggio Tui-nà

Info: Marco Milione

Per contattarmi telefonicamente
02.23166005 - 339.3859254

 

 

Home Page - Presento Reiki Contatti Link - Altri Link

Il Qi
 

La vita così come viene concepita è caratterizzata dal movimento tra lo scorrere perpetuo del tempo e il cambiamento ciclico degli eventi. La forza che sottostà a questa frequenza vitale è stata definita dalla cultura Cinese con il nome di Qi. Il Qi non è una qualcosa di astratto situato in qualche punto dell’universo, il Qi è la vita in tutte le sue manifestazioni. Possiamo dire che ogni cosa nell’universo sia organica che inorganica è costituita da Qi; esso avvolge, permea, compone, assimila l’intero creato. Non esiste un solo punto nello spazio infinito che sia privo di questo magnetismo di base. E l’anello di congiunzione tra l’infinito e l’eterno, il perpetuo respiro dell’universo.

In occidente il termine Qi è stato tradotto con energia che rende abbastanza bene l’idea nel suo complesso, anche se la traduzione letterale sarebbe soffio. Il soffio della vita in tutte le sue manifestazioni. Proprio perché la vita è caratterizzata dal movimento, l’arresto di questo movimento per un qualsiasi motivo genera disarmonia a tutti i livelli. Ed è proprio il caso della malattia nell’essere umano. Il Qi così come scorre nell’universo scorre anche nell’essere umano in determinati Meridiani di trasporto detti: Jing Mai (Canali Energetici.) Quando a causa di vari fattori patogeni sia esterni che interni dal nostro volere il trasporto di questa energia subisce un rallentamento, un ristagno o addirittura un blocco ci ammaliamo.

Attraverso la stimolazione fisica dei canali energetici e di determinati punti situati lungo il decorso di queste vie di scorrimento, si va a riarmonizzare il flusso naturale del Qi, riportando il fisico al benessere originario.

 

ORIGINI DEL QI

Tutto il Qi nel corpo viene indicato in generale come Qi normale o eretto (Zheng Qi) o come Vero qi (Zhen Qi). Il Qi normale è il Qi prima della differenziazione in forme specifiche o della sua associazione in funzioni specifiche. I cinesi concepiscono tre fonti di Qi nel corpo umano. Il Qi originario (Yuan Qi), detto anche Qi prenatale, che viene trasmesso dai genitori ai figli nell’atto del concepimento. Questo Qi è in parte responsabile della costituzione ereditaria dell’individuo. Ed è immagazzinato nei reni.

La seconda fonte è il Qi del grano cereale (Gu Qi), che deriva dalla digestione del cibo. La terza è il Qi dell’aria naturale (Kong Qi), che i polmoni estraggono dall’aria che respiriamo. Queste tre forme di Qi si mescolano, producendo il Qi normale, che permea tutto il corpo.

 

FUNZIONI DEL QI

Il QI normale una volta formato può essere distinto in molti tipi di Qi con funzioni specifiche. Negli ultimi 2500 anni sono stati individuati 32 differenti tipi di Qi. Essi sono paragonabili alla corrente elettrica di noi occidentali. Così come l’elettricità è sempre la stessa ma con intensità differenti, pure il Qi rimane sempre uguale con potenze e profondità diverse. Fondamentalmente le funzioni del Qi sono cinque: Muovere, proteggere, trasformare, scaldare, conservare.

MUOVERE: Il Qi è la fonte di ogni movimento nel corpo e accompagna ogni movimento sia volontario: come, camminare, parlare, danzare, che involontario: come il battito cardiaco, respirare e tutte le funzioni metaboliche interne legate al corpo umano. Il Qi non è la causa del movimento, esso è totalmente inseparabile dal movimento. Per esempio il Qi è la fonte della crescita del corpo, ma esso cresce anche con il corpo.

Nel corpo il Qi è costantemente in movimento e ha quattro direzioni principali: ascendente,discendente, ingresso e uscita.

PROTEGGERE:  Il Qi protegge il corpo dagli agenti patogeni ambientali. Se il Qi nostro organismo è carente o subisce un rallentamento nel suo fluire ecco che  diventiamo facili prede di quelle che vengono definite malattie stagionali.

TRASFORMARE: Il Qi è la fonte delle trasformazioni armoniose che avvengono nel corpo. Quando il cibo è stato ingerito e trasformato in altre sostanze, come sangue, sudore, urina, queste trasformazioni dipendono dal Qi.

SCALDARE: Il mantenimento del calore corporeo in ogni sua parte dipende dal Qi.

CONSERVARE: Il Qi mantiene gli organi, il sangue e ogni sostanza dell'organismo al proprio posto. Senza che si verifichino prolassi di qualsiasi genere.