REIKI:

Seminari Reiki Date e Località

Modulo di Iscrizione ai Seminari

Documento Iscrizione Seminari

Reiki

Cos'è Reiki

Reiki Livelli

Il Primo Livello Reiki

Il Secondo Livello Reiki

Il Terzo Livello Reiki

Il Master Reiki

Percorso Master Reiki

Come diventare operatore reiki

La Storia di Reiki

Attivazione Reiki

Autotrattamento Reiki

Trattamento Reiki

Trattamento a Distanza

Il Maestro Mikao Usui

Come Agisce Reiki

Percorso Energia Reiki

I Simboli Reiki

Possibilità di utilizzare Reiki

I 5 Principi Reiki

Codice Etico-Deontologico dell'operatore Reiki

Reiki Insegnamento

Reiki Discendenza

Chi è Marco Milione

Reiki Seduta Terapeutica

Costi Sessioni Individuali

Domande e Risposte su Reiki

Glossario Reiki

Testimonianze

Reiki a Milano

Karuna Reiki

JAPANESE REIKI :

Reiki Japanese

Tecniche di Japanese Reiki

Discendenza Japanese Reiki

Intervista al Maestro Mikao Usui

Komyo Reiki

Proposte di Leggi sulle Medicine Complementari:

Regolamentazione Medicine Complementari

Nuova Proposta di Legge nazionale D.O.S

Legge Lombardia

Legge Emilia-Romagna

Legge Piemonte

Legge Liguria

Legge Toscana

 

Il Karma

L'esperienza del Se

Articolo su Reiki

Reiki e Respirazione

Reiki e Danaro

Disciplina Spirituale

Dinamiche  Psicologiche Interpersonali

cerchio di luce

Meditazione Yogica

Il Mantra Japa

Preghiera per la pace

Diksha

Tantra

Buddhismo

Viaggi Astrali

Elenco per regioni degli operatori e master reiki italiani di mondoreiki

Galleria Immagini

Pranoterapia:

Pranoterapia

I Chakra

L'influenza energetica del terapista sul fisico

Da dove arriva il potere di guarigione di un terapista?

Reiki per i pranoterapeuti

Shiatsu:

Cos'è lo Shiatsu

Cosa Cura lo Shiatsu

Shiatsu e Reiki..... due Facce della stessa Medaglia

Yin e Yang

Qi

6 Energie e 5 movimenti

Massaggio Tui-nà:

Cos'è il Massaggio Tui-nà

Info: Marco Milione

Per contattarmi telefonicamente
02.23166005 - 339.3859254

 

 
Presento Reiki - Home Page Contatti Link - Altri Link

 

 TERAPIA REIKI

Una delle domande più frequenti che mi viene rivolta dai riceventi prima di iniziare la terapia  Reiki è la seguente : “ma quante sedute occorrono per risolvere il mio problema” ? La risposta è sempre la stessa. Non si può quantificare il numero esatto dei trattamenti Reiki che servono per risolvere una certa problematica. In parte perché con Reiki diventiamo canali di guarigione sfruttando cosi i benefici dell’energia universale  e solamente una piccola percentuale della nostra energia influenza lo stato di salute del paziente. Inoltre teniamo bene a mente che Reiki non porta la guarigione dall’esterno, ma va a risvegliare il naturale principio di autoguarigione che risiede dentro ognuno di noi; delegittimando così l’operatore dal risultato finale qualunque esso sia.

Premesso questo è facilmente comprensibile capire che non siamo tutti uguali, ogni persona ha il proprio percorso spirituale e le proprie esperienze da fare, tutte inerenti alla riscoperta interiore. Per questo quantificare esattamente in termini di numero i trattamenti necessari per curare ogni singola disarmonia è pressoché impossibile. Anche perché possono capitare due riceventi dove apparentemente presentano la stessa patologia; solo che nel primo caso bastano 10 sedute per ottenere un risultato, mentre nel secondo caso magari occorrono 20 o anche 30 trattamenti per raggiungere un risultato valido. Non conta la gravità della malattia che si manifesta nel corpo fisico quanto la profondità della disarmonia all’interno di noi stessi. 

Tuttavia, esistono dei canoni di valutazione complessivi che si possono applicare ad ogni individuo, dettati per lo più dal buon senso piuttosto che dalla certezza matematica e scientifica. Personalmente consiglio sempre ad ogni mio ricevente di sottoporsi almeno ad un ciclo di 10 sedute per raggiungere i primi risultati, anche se devo confessare che  ci sono state ben poche persone che non hanno riscontrato un miglioramento subito dopo i primi trattamenti.
Ed anche qualora il sintomo dovesse scomparire quasi immediatamente  (dopo 4, 5 o 6 trattamenti), il mio consiglio è sempre quello di continuare la terapia con qualche seduta in più. Questo perché non è detto che l’eliminazione del sintomo corrisponda alla soluzione della disarmonia a livello spirituale. Di conseguenza qualora si mostri troppa leggerezza nella valutazione terapeutica del disturbo è possibile che la problematica si ripresenti in un secondo tempo, magari con una disarmonia differente. 

Nell’ambito tecnico della terapia Reiki l’approccio al paziente e alla cura di quest’ultimo, segue uno schema ben preciso, dove per qualunque malattia si andrà ad eseguire sempre la stessa procedura ovvero : il paziente dovrà sottoporsi a 4 trattamenti base ravvicinati nel tempo tra loro “questo significa ricevere un trattamento al giorno per 4 giorni consecutivi”. Dopo di che in un secondo tempo continuare la terapia con 1 o 2 trattamenti alla settimana, a seconda della necessità del ricevente fino alla completa guarigione.

I quattro trattamenti base consecutivi non sono stati inventati come qualcuno malignamente può pensare per fare arricchire velocemente l’operatore Reiki. Tutt’altro, perché nell’arco del tempo e degli esperimenti che sono stati svolti a riguardo, si è capito che 4 trattamenti consecutivi sono il minimo indispensabile che occorre per fare instaurare all’interno del ricevente il principio di autoguarigione. Quando invece si presentano riceventi con problematiche molto serie, per esempio tumore, leucemia, o malattie terminali, etc… si andrà ad operare in maniera più incisiva. Ovvero, si sottoporrà il ricevente a 21 giorni di trattamenti consecutivi, ( un trattamento al giorno per 21 giorni. ) dopo di che si sospende la terapia per una settimana per ricominciare subito dopo con altri 21 giorni di trattamenti fino alla completa guarigione. Potenzialmente con Reiki è possibile curare qualsiasi malattia, ma non pensiamo che una volta preso il primo livello o il secondo livello Reiki possiamo andare in giro a dispensare miracoli ovunque.

Credo sinceramente che al livello di coscienza attuale dell’umanità i miracoli vengono fatti dagli illuminati o dai santi; tuttavia ritengo che non bisogna neppure limitare noi stessi o le nostre possibilità. Ricordiamoci che l’essere umano è dotato di quella scintilla divina che lo accomuna a Dio in ogni istante della sua esistenza, questa scintilla di vita è conosciuta da tutti con il nome di amore ed è proprio nel nome dell’amore che noi agiamo quando ci connettiamo con Reiki. Per questo è importante che da parte dell’operatore ci sia un atteggiamento onesto e di distacco. Onesto perché l’operatore non dovrà mai per nessun motivo alimentare le aspettative del paziente, per un proprio tornaconto personale. Informando a priori il ricevente di come funziona esattamente la tecnica Reiki. Di distacco invece, perché è giusto che l’operatore tenga da parte il più possibile il proprio ego durante il corso della seduta, lasciando che l’energia Reiki agisca senza nessuna interferenza mentale da parte propria.

Molto spesso desideriamo che la persona che ci si presenta guarisca a tutti i costi dal proprio male, ma ciò non dipende da noi e ci esula da quelle che possono sembrare le nostre responsabilità. In fondo, che cosa ne sappiamo di quale sia il percorso di crescita di un individuo ? Siamo veramente in grado di stabilire quale sia realmente la scelta e la volontà di un anima altrui ? Ogni volta che utilizziamo Reiki su di un paziente, Rei la coscienza divina interagisce attraverso noi in concomitanza con il Se superiore del ricevente. L’operatore in quel momento è soltanto un canale che fa da tramite tra Dio e l’Uomo. Quindi la riuscita o l’insuccesso apparente non sono indice di bravura o mediocrità dell’operatore,  ma più semplicemente è l’espressione di un percorso di riscoperta talmente vasto e complesso che la semplice coscienza dualistica dell’essere umano fa fatica comprendere.

Probabilmente questo atteggiamento di realizzazione da parte dell’operatore è dato dal fatto che richiedendo un compenso monetario per i suoi servizi si senta di conseguenza in dovere nei confronti del ricevente. Dimenticando molto spesso che quando il paziente paga l’operatore Reiki, non paga l’energia Reiki, ( anche perché non sarebbe quantificabile in danaro ), ma bensì paga il tempo che l’operatore gli dedica durante il corso della seduta. Vorrei concludere adesso ricordando che quando si lavora con Reiki non esistono successi o fallimenti ma più semplicemente opportunità di crescita sia per l’operatore che per il ricevente, e se riusciamo a lavorare in questa sintonia avremmo sicuramente fatto un grandissimo passo in avanti, poiché ogni qual volta ci si connette con Reiki ci si connette con un’energia d’amore; e l’amore, quello vero incondizionato ed esente da ego è sempre un successo.

Aum Amriteshwaryai Namah

 Marco Milione